Climatizzatori: come scegliere i migliori modelli

Climatizzatori: come scegliere i migliori modelli

Il climatizzatore è un prodotto che tutti dovrebbero possedere nelle proprie case. Migliora il tuo comfort, ti fa risparmiare sulla bolletta e, soprattutto, ti salva la vita durante il caldo rovente dell’estate.

Sono tantissimi i modelli in commercio per cui è facile trovare offerte di climatizzatori che possano fare al caso tuo. Prima di acquistarne uno, però, bisogna tener presente alcuni fattori.

Non si deve tralasciare, per esempio, il lato estetico, poiché l’occhio vuole la sua parte. Nell’installazione di un climatizzatore, infatti, il design è importante perché deve donare armonia all’ambiente. Vediamo insieme che cos’è, in particolare, un climatizzatore e come bisogna scegliere i migliori modelli.

Che cos’è un climatizzatore?

E’ un elemento che dona refrigerio al tuo appartamento, alla tua stanza, ma non solo. Allo stesso tempo, è in grado di tenere sotto controllo la temperatura, la qualità dell’aria presenta in casa, come essa si distribuisce e, soprattutto, l’umidità. E’ per questi motivi che risulta essere un prodotto fondamentale.

Tipologie di climatizzatori

In commercio, chiaramente, non esiste un solo tipo di climatizzatore. A seconda delle funzioni, del modo di installarlo, delle tue esigenze e del design, ne puoi trovare tantissimi. I climatizzatori più acquistati e famosi, fanno parte della categoria degli split.

Questi climatizzatori constano di due parti, una esterna ed una interna. La prima è da collocare su una parete, su un balcone; mentre, la seconda è installata all’interno dell’ambiente. Si parla di climatizzatori monosplit oppure multispilt, in base al numero delle unità interne ed esterne.

Tipologie di Split e il loro funzionamento

Essi, in linea generale, sono in grado di trasferire il calore dall’unità posta all’interno della stanza, all’unità collocata sul balcone. Questo, finché non si raggiunge la temperatura che si desidera, al fine di mantenerla costante. Fanno parte di questa famiglia, alcuni climatizzatori che prendono il nome di split portatili. Questi, purtroppo, stanno pian piano scomparendo perché considerati troppo rumorosi. Gli split fissi, invece, hanno una duplice funzione.

Rinfrescano gli ambienti durante il torrido caldo, ma sono dotati di pompe di calore, le quali permettono il suo utilizzo anche durante le gelide giornate invernali. Tra questi, i modelli più diffusi, sono quelli forniti della funzione inverter.

Tramite questo sistema, il climatizzatore split fisso ha la capacità di assicurare la temperatura costante e stabile, a costi moderati. I prodotti multi split, invece, sono costituiti da più elementi. Sicuramente, la loro installazione è più complessa, però hanno dei vantaggi. Proprio perché dotati di più elementi, i multi split hanno offrono al cliente l’opportunità di decidere temperature differenti per le stanze del proprio appartamento. Questo, però, fa sì che i consumi siano più elevati.

Quali sono gli altri fattori da tenere in considerazione?

Oltre alla tipologia, un climatizzatore viene scelto pensando anche ad altri elementi, come la grandezza della stanza da rinfrescare. I metri quadri di un ambiente si devono tenere in considerazione, perché in base alla grandezza è necessario servirsi di un climatizzatore con una data potenza. Più grande è l’ambiente, più sarà la potenza di cui si ha bisogno. Un altro fattore da considerare, durante l’acquisto di un climatizzatore, è l’etichetta energetica. Fondamentale è la classe per poter cercare di limitare i consumi energetici. Importante è avere un pò di spazio tra gli elementi che compongono l’oggetto, così può circolare meglio l’aria.