7 cose da considerare prima di iniziare ad installare un lucernaio

Hai bisogno di un po’ più di luce nella tua vita? Prendi in considerazione l’installazione di un lucernario sul soffitto di una stanza interna con poca luce naturale. Queste finestre sul tetto lasciano entrare fino a cinque volte più luce e calore rispetto ad una finestra tradizionale. Il costo e la complessità dell’installazione di un lucernaio, tuttavia, ti obbligano ad dedicare del tempo per accertarto sulle condizioni strutturali che dovranno essere soddisfatte e sulle scelte di progettazione che dovrai intraprendere per poter installare un lucernaio perfettamente funzionante. Tieni allora a mente queste sette considerazioni sul progetto prima di dare il via libera all’installazione del lucernaio.

1. I lucernari non sono adatti a tutti i tetti

Poiché i lucernari sono installati sul soffitto, sotto le tegole del tetto e la guaina impermeabile, la costruzione del tetto dovrà essere in grado di supportare il lucernario. Innanzitutto, considera la forma, che in genere è di due tipi:

  • I tetti a bastoncini, costruiti con travi individuali distanziati fra loro di un metro e mezzo, tendono ad essere più adatti per l’installazione di lucernari perché vi è abbastanza spazio per tagliare e montare questo tipo di componente tra le travi.
  • I tetti a traliccio, chiamati per le unità triangolari prefabbricate di cui sono fatti, sono meno ideali ad accogliere un lucernaio. Le capriate non sono progettate per essere tagliate dopo l’installazione e ciò può compromettere l’integrità strutturale del tetto.

Anche se il tuo installatore è disposto ad aggiungere un lucernario a un tetto a traliccio, in questo caso potresti essere costretto ad optare per lucernari molto piccoli, affinchè si adattino allo spazio limitato disponibile tra le travi che compongono ogni capriata. Questo, infatti, potrebbe non essere abbastanza ampio per le tue esigenze, dal momento che la dimensione consigliata per un lucernario è tra il 5 e il 10 percento rispetto alla metratura della stanza che si vorrà illuminando.

Tuttavia, nemmeno un tetto a bastoncini rappresenta un grande lascia passare per il progetto: la pendenza del tetto potrebbe rappresentare una sfida. Le forme del tetto a due falde e a due spioventi sono l’ideale perché possiedono una pendenza in grado di deviare l’acqua piovana e i detriti verso il basso dal lucernario. Altrimenti, se così non fosse, l’acqua piovana raccolta potrebbe macchiare i vetri e proprio per questo motivo i tetti piani sono da escludere totalmente da questi progetti.

2. Il vetro non è l’unica opzione per i lucernai

I lucernari sono costituiti da una struttura in legno, vinile o metallo che contiene una porzione di materiale, nella maggior parte dei casi di vetro, in grado di far filtrare la luce. A volte, però, potrai optare anche per lucernai fabbricati in plastica!

La vetratura, che è due volte più pesante e in qualsiasi misura, dal 25% a cinque volte più costosa della plastica, rappresenta la soluzione migliore. Questa è infatti l’opzione più chiara e più resistente ai graffi e agli urti. Resiste allo scolorimento, blocca moltissimi raggi UV ed è disponibile in dimensioni e forme personalizzate. A differenza della plastica, i vetri sono anche isolanti per due motivi:

  • Un rivestimento a bassa emissione (low-E) presenta uno strato invisibile di ossido di metallo sul vetro interno
  • Uno strato intermedio di gas argon tra i due pannelli, invece, aiuta a trattenere il calore interno in inverno, elimina quello estivo e sbarra i raggi UV.

Se si sceglie la vetratura, assicurati di scegliere un vetro temperato o laminato per evitare che si rompa in pezzi taglienti in caso di impatto. Il vetro più resistente è a doppio vetro, costituito da due superfici di vetro temperato o laminato o alternate fra di loro.

I vetri in plastica, venduti sia in un policarbonato più forte o in una varietà acrilica più debole, sono più economici, più leggeri e hanno meno probabilità di rompersi del vetro ma si graffiano e si scoloriscono più facilmente. In più, bloccano poca o nessuna luce UV e di solito vengono venduti solo in dimensioni e forme standard come: piatti, piramidali, ad arco o a cupola.

3. Le pellicole protettive per vetri o rivestimenti regolano i livelli di luce e temperatura e donano maggior privacy

L’aggiunta di una finestra aerea può rappresentare un metodo per far entrare molta più luce ma purtroppo molta meno privacy. Detto questo, potrai diminuire la luminosità, i riflessi e il calore in una stanza e persino riguadagnare la giusta privacy applicando sui vetri una pellicola colorata o installando un’ombra sotto il pannello interno dei vetri di un lucernario. Le finestre oscuranti creano un’ambiente interno più delicatamente illuminato e possono inoltre aiutare un lucernario a bloccare la luce UV se possiede vetri in plastica o comunque di bassa schermatura. Questo, però, riduce sostanzialmente la percentuale di luce visibile trasmessa all’interno dal tuo lucernario e poiché la pellicola non è pratica da rimuovere a causa della sua robustezza, se rimovibile, ti dovrai abituare ad un livello di luminosità più basso.

Le tonalità del lucernario, che in alcuni casi potranno essere controllate tramite telecomando o manualmente, permettono al lucernaio di far filtrare molta luce quando fosse aperto e al contrario, molta meno luce nel caso in cui fosse chiuso.

4. Alcuni lucernari lasciano entrare aria e luce

I lucernari sono disponibili in molte varianti: alcuni rimangono sempre chiusi e ventilati mentre in altri casi potrai aprirli o chiuderli a tua discrezione. Poiché i lucernari fissi trasmettono solo luce e sono progettati per mantenere il calore e l’umidità, sono generalmente più efficienti dal punto di vista energetico e meno soggetti a dispersioni. In questo senso, però, non promuovono la circolazione dell’aria e questo li rende un’opzione migliore per ambienti che sono già ben ventilati. I lucernari ventilati, invece, che includono varietà azionati manualmente, che è possibile aprire o chiudere con una manovella, o opzioni motorizzate che è possibile controllare con un telecomando, aumentano il rischio di perdite di calore o di un suo accumulo. In questo senso, però, lasciano entrare sia l’aria fresca che la luce naturale, il che li rende particolarmente utili in ambienti chiusi come gli attici.

5. La posizione è importante

È importante scegliere bene anche il posto nel quale installare il lucernario. Idealmente, dovrebbe essere direttamente sotto il tetto, ad esempio in un attico o in una camera degli ospiti all’ultimo piano. Il tuo installatore cercherà quindi una sezione del tetto sopra quella stanza che soddisfi i requisiti minimi di pendenza nelle specifiche del produttore per il tuo lucernario. (In genere, si desidera installare un lucernario a una pendenza da cinque a 15 gradi più alta della propria latitudine.)

La direzione del lucernario è altrettanto importante. I lucernari rivolti a nord sono l’ideale, in quanto forniscono un’illuminazione continua tutto l’anno. Evita di posizionare i lucernari dove la tua vista sarebbe bloccata dalle pareti di un edificio più alto nelle vicinanze o da altri ostacoli. I grandi alberi nelle vicinanze di un lucernario possono essere benaccetti soltanto da proprietari di case poste in zone con climi caldi che hanno bisogno di più ombra.

6. Affidare l’installazione del lucernario a dei professionisti.

La disponibilità di lucernari con luci intermittenti incluse (strisce di metallo utilizzate per resistere alle intemperie) consente agli installatori con esperienza di carpenteria e copertura di affrontare il posizionamento di lucernari per un costo che oscilla tra i 150 e i 500 €. Per il fai-da-te di media competenza, la complessità dell’installazione e i rischi di caduta dal tetto rendono l’installazione molto più cara: il costo si aggirerà intorno ai 650€ e in alcuni casi andrà a toccare i 3500€. L’installazione di un lucernario comporta la rimozione delle tegole del tetto, il taglio di un foro, la modifica dell’inquadratura per adattarsi al lucernario, l’installazione del lampeggiante, della struttura in sé e la riparazione di parti del tetto e del soffitto sopra e sotto il lucernario.

Un’installazione lucernario in un tetto già esistente richiede la revisione di alcune sezioni del tetto e per questo motivo, nel caso tu riuscissi, ti consigliamo di richiederlo soltanto nel momento in cui vorrai richiedere anche una ristrutturazione della copertura. Inoltre, aspetta una giornata limpida per iniziare questo progetto: non vorrai che la pioggia ti scivoli sul tetto o che penetri attraverso l’apertura del tetto e nella tua casa?

7. Mantenere il lucernario pulito grazie ad una manutenzione regolare.

Segui questi suggerimenti per mantenere il tuo lucernario scintillante tutto l’anno:

  • Ispeziona i soffitti e i pavimenti nelle stanze con lucernari con cadenza bisettimanale per valutare la presenza di possibili perdite. I punti umidi sul soffitto o sul tappeto, specialmente dopo forti piogge o nevicate, possono indicare una perdita nel lucernario che può lasciare il posto alla comparsa di muffa se non riparata prontamente.
  • Spolvera il lucernaio mensilmente con un’attrezzatura telescopica adeguata
  • Lucernari puliti a fondo ogni anno: utilizza una scopa di spugna imbevuta di acqua saponata per pulire delicatamente il pannello interno del lucernario e utilizza una rondella di alimentazione telescopica per eliminare lo sporco dal pannello esterno.
  • Fai ispezionare i lucernari da un professionista ogni anno per individuare eventuali fessure e altri difetti che possono causare danni strutturali più estesi lungo la struttura. Se ti senti a disagio a pulire i lucernari, fai pulire i tuoi lucernari da un personale qualificato.
  • Nel caso in cui si sostituisse il tetto e si installasse un nuovo lucernario allo stesso tempo, chiedere al proprio installatore di prendere tutte le precauzioni del caso al fine di evitare qualsiasi gelata invernale. Avere un lucernario rende il tuo tetto più incline a formare dighe di ghiaccio (neve sciolta che si è congelata) attorno ai bordi esterni del lucernario, che può impedire il deflusso o lo scioglimento dell’acqua piovana e creare una perdita nel caso in cui penetrasse attraverso le tegole del tetto.
  • Elimina la neve caduta dal tetto con una pala o un rastrello prima che si blocchi per prevenire la formazione di dighe di ghiaccio. Se la neve si scioglie e si congela, dovrai usare un martello per romperlo in piccoli pezzi che cadranno dal tetto stesso. Oppure posiziona sul ghiaccio calze piene di cloruro di calcio per scioglierlo. Puoi anche chiamare un professionista che sia in grado di vaporizzare le dighe sul tetto.

I commenti sono chiusi